Carrello

Nessun prodotto

 

Una serie tv con un seguito animato, un film molto liberamente tratto da un arco narrativo del fumetto, un videogioco ispirato al film, il lungometraggio d'animazione “Justice League Dark” (di prossima uscita anche l'adattamento cinematografico). Qualche comparsata in altre serie tv (“Arrow”). Sicuramente sono molti i luoghi in cui potete avere visto o sentito parlare dell'occultista inglese John Constantine. In effetti, si tratta di uno di quei personaggi che bene o male quasi tutti i nostri clienti lettori di comics hanno presente. Sorge invece talvolta un po' di confusione quando ci viene chiesto come leggere le sue avventure. Non si tratta di una casualità, la testata che lo vede protagonista, “Hellblazer”, è stata la più longeva della Vertigo (l'etichetta “adulta” della DC comics), e ha visto in Italia numerosi cambi di editore, riavvi e formati pubblicati in contemporanea.

Questo nostro articolo desidera inquadrare lo stato dell'arte delle pubblicazioni nostrane ed elencare le precedenti proposte italiane sul personaggio.

John Constantine è un magus inglese, nato a Liverpool e tendenzialmente residente a Londra. È difficile descriverlo in poche parole, fondamentalmente potremmo dire che tutte le sue rappresentazioni che avete visto in media che non fossero il fumetto (e anche in fumetti più recenti, come vedremo più avanti) non rendono affatto giustizia al personaggio, o perlomeno si limitano a coglierne soltanto alcuni aspetti, quasi sempre non i più peculiari. Capita talvolta di vederlo paragonato a “indagatori dell'incubo” nostrani, oppure a precedenti letterari quali Carnacki di Hodgson o al John Silence di Blackwood. Sicuramente Constantine si può ascrivere alla categoria dei “detective dell'occulto”, e d'altro canto il suo stesso look a metà tra il British e l'hard boiled (impermeabile, cravatta, barba di un paio di giorni e sigaretta perennemente in bocca) rivendica tale appartenenza. Non immaginatevi però che eserciti in uno studio, con clienti che si affidano a lui per casi “strani” o cose di questo tipo. In sostanza, il nostro personaggio è un cialtrone, assolutamente non di buon cuore, non interessato a “fare la cosa giusta”, che si trova perennemente invischiato con demoni o più genericamente con individui poco raccomandabili che bazzicano la scena sovrannaturale. Uno dei leitmotiv del personaggio è la sincronicità degli eventi, cioè il suo trovarsi sempre al posto giusto nel momento giusto (o sbagliati, a seconda dei punti di vista), e diventare in sostanza una pedina attiva in ciò che accade, se non spesso il burattinaio manipolatore degli attori della vicenda (di regola, chi gli sta vicino muore. Prendetelo come assunto, nel caso desideriate seguire le sue storie non affezionatevi ai comprimari). Le motivazioni dietro i suoi comportamenti sono sfuggenti, forse una sorta di predestinazione, forse il semplice egoistico desiderio di fare ciò che fa perché può farlo...scegliete ciò che più vi aggrada e godetevi la giostra.

Il personaggio fa il suo esordio nel 1985, nella leggendaria gestione di “Swamp Thing” di Alan Moore. Visivamente viene modellato sulle fattezze di Sting nel film “Quadrophenia”, per poi raggiungere negli anni successivi una maggiore indipendenza grafica. Tale è il suo successo che nel Gennaio del 1988 Constantine ottiene la sua serie da protagonista, “Hellblazer”. Verrà pubblicata ininterrottamente fino al Febbraio del 2013, raggiungendo così il numero 300 secondo la numerazione originale.

Non prendendo in considerazioni numeri speciali o autori occasionali, la testata ha conosciuto nove sceneggiatori ufficiali. Nell'ordine abbiamo avuto le gestioni di: Jamie Delano, Garth Ennis, Paul Jenkins, Warren Ellis, Brian Azzarello, Mike Carey, Denise Mina, Andy Diggle e Peter Milligan. Con l'eccezione dello statunitense Azzarello si tratta del gotha degli scrittori di comics originari del Regno Unito! In effetti, pur considerando legittime preferenze e gusti personali, “Hellblazer” è riuscita a mantenere in venticinque anni di pubblicazioni un'oggettiva elevata e costante qualità di scrittura.

Come e dove leggere John Constantine in italiano? Originariamente i primi episodi della gestione di Delano vennero editi sull'antologico della Comic Art “DC Comics presenta”. Questa pubblicazione presentava al suo interno non soltanto episodi di “Hellblazer”, ma anche selezioni di altri fantastici titoli coevi, quali “Sandman” di Neil Gaiman, “Shade l'uomo cangiante” di Peter Milligan, “Swamp Thing” di Alan Moore e altre perle. Se desiderate immergervi nell'atmosfera della Vertigo degli anni '80 e provare un boccone di tutto potete trovare qui su Momomanga.it alcuni numeri di “DC Comics presenta”. Successivamente Comic Art ha edito ulteriori episodi scritti da Delano (più una storia di Grant Morrison) in dieci brossurati denominati semplicemente “Hellblazer”.

In seguito “Hellblazer” (nello specifico, due episodi di Ennis, tutta la gestione di Azzarello e parte di quella di Carey) è stato proposto anche all'interno delle riviste contenitore “Il Corvo presenta/Vertigo presenta”, edite originariamente dalla General Press e in seguito dalla Magic Press.

Naturalmente queste antologie e vecchie edizioni non sono il migliore metodo per recuperare in maniera rigorosa le storie del personaggio.

Ora andremo a vedere, in ordine di lettura, a quali edizioni italiane successive a quelle precedentemente citate corrispondono gli archi narrativi dei singoli autori. Elencheremo sotto ogni “ciclo” le alternative italiane disponibili, specificando tra parentesi i numeri originali statunitensi contenuti all'interno della singola edizione nostrana. In questo link trovate tutti i volumi “Hellblazer” presenti su Momomanga.it.

Ciclo di Jamie Delano (#1-40 numerazione USA)

  • Volume “Hellblazer”, Magic Press . “Peccati originali”, (#1-6).
  • Quattro volumi “Hellblazer di Jamie Delano”, Planeta DeAgostini. Volume Uno (#1-10), Due (#11-20), Tre (#21-30 e Quattro (#31-40).
  • Brossurati “Hellblazer”, Planeta DeAgostini. Numero 1 (#1-3), 2 (#4-6), 3 (#7-10), 4 (#11-14), 5 (#15-18), 6 (#19-22), 7 (#23-26), 8 (#27-30), 9 (#31-34), 10 (#35-38), 11 (#39-41).
  • Ristampe dei precedenti brossurati “Hellblazer”, Rw Lion. Numero 1 (#1-3), 2 (#4-6), 3 (#7-10), 4 (#11-14), 5 (#15-18), 6 (#19-22), 7 (#23-26), 8 (#27-30), 9 (#31-34).
  • Serie “Constantine”, in formato bonellide, bianco e nero, RW Lion. I numeri #1-14 di “Constantine” coprono tutto il ciclo di Delano.

Ciclo di Garth Ennis (#41-83 numerazione USA)

  • Otto volumi “Hellblazer”, Magic Press. “Abitudini pericolose” (#41-46), “L'amore uccide” (#47-51), “Sangue Reale” (#52-56), “Una scala per il paradiso” (#57-61), “Paura e odio” (#62-67), “Amore corrotto” (#68-71), “La fiamma della dannazione” (#72-77), “Il sentiero ai cancelli dell'Inferno” (#78-83).
  • Quattro volumi “Hellblazer di Garth Ennis”, Planeta DeAgostini. Volume Uno (#41-50), Due (#51-60), Tre (#61-71), Quattro (#72-83).
  • Brossurati “Hellblazer”, Planeta DeAgostini. Numero 11 (#39-41), 12 (#42-45), 13 (#46-49), 14 (#50-52), 15 (#53-56), 16 (#57-60), 17 (#61-64), 18 (#65-68), 19 (#69-72), 20 (#73-74), 21 (#75-77).
  • Ristampe dei precedenti brossurati “Hellblazer”, Rw Lion. Numero 13 (#46-49), 14 (#50-52), 15 (#53-56), 19 (#69-72), 20 (#73-74), 21 (#75-77).
  • Brossurati “Hellblazer”, Rw Lion. Numero 22 (#78-81), 23 (#82-85).
  • Serie “Constantine”, in formato bonellide, bianco e nero, RW Lion. I numeri #14-26 di “Constantine” coprono tutto il ciclo di Ennis.

Ciclo di Paul Jenkins (#89-128 numerazione USA)

  • Otto volumi “Hellblazer”, Magic Press. “Nozioni distorte” (#84-90), “Massa critica” (#91-96), “I peccati dei padri” (#97-101), “Sotto tiro” (#102-107), “L'ultimo baluardo” (#108-114), “Alla disperata ricerca di qualcosa” (#115-120), “Vacanze americane” (#121-124), “Giocare con il fuoco” (#124-128).
  • Brossurati “Hellblazer”, Rw Lion. Numero 23 (#82-85), 24 (#86-89), 25 (#90-93), 26 (#94-97), 27 (#98-100), 28 (#101-104), 29 (#105-108), 30 (#109-112), 31 (#113-116), 32 (#117-120), 33 (#121-124), 34 (#125-128).

“Figlio dell'uomo” di Garth Ennis (#129-133 numerazione USA)

  • Volume “Hellblazer”, Magic Press. “Figlio dell'uomo” (#129-133).
  • Volume “Hellblazer”, Planeta DeAgostini. “Figlio dell'uomo” (#129-133).
  • Brossurati “Hellblazer”, Rw Lion. Numero 35 (#129-132), 36 (#133-136).

Ciclo di Warren Ellis (#134-143 numerazione USA)

  • Due volumi “Hellblazer”, Magic Press. “Tormenti” (#134-139), “Raccontare storie” (#140-145)
  • Volume “Hellblazer di Warren Ellis”, Planeta DeAgostini (#134-143).
  • Brossurati “Hellblazer”, Rw Lion.  Numero  36 (#133-136), 37 (#137-140), 38 (#141-143).

Ciclo di Brian Azzarello (#146-174 numerazione USA)

  • Cinque volumi “Hellblazer”, Magic Press. “Tempi duri” (#146-150), “Buone intenzioni” (#151-156), “Come ghiaccio” (#157-163), “Highwater” (#164-169), “Cenere alla cenere” (#170-176).
  • Due volumi “Hellblazer di Brian Azzarello”, Planeta DeAgostini. Volume Uno (#146-157), Due (#158-174).
  • Brossurati “Hellblazer”, Rw Lion.  Numero 39 (#144-147), 40 (#148-151), 41 (#152-155), 42 (#156-159), 43 (#160-163), 44 (#164-167), 45 (#168-171), 46 (#172-175).

Ciclo di Mike Carey (#175-215 numerazione USA)

  • Due episodi (numeri USA #175-176) pubblicati all'interno del volume “Hellblazer” Magic Press “Cenere alla cenere”.
  • Due volumi “Hellblazer”, Planeta DeAgostini, con pubblicati all'interno gli episodi conclusivi del ciclo. “Giù nella terra dei morti” (#206-212), “R.S.V.P.” (#213-215).
  • Brossurati “Hellblazer”, Rw Lion.  Numero 46 (#172-175), 47 (#176-179), 48 (#180-183), 49 (#184-187), 50 (#188-191), 51 (#192-195), 52 (#196-199), 53 (#200-202), 54 (#203-206), 55 (#207-210), 56 (#211-214), 57 (#215-218).

Ciclo di Denise Mina (#216-228 numerazione USA)

  • Volume “Hellblazer di Denise Mina”, Planeta DeAgostini (#216-228).
  • Brossurati “Hellblazer”, Rw Lion.  Numero 57 (#215-218), 58 (#219-222), 59 (#223-226), 60 (#227-230).

Ciclo di Andy Diggle (#230-249 numerazione USA)

  • Tre volumi “Hellblazer di Andy Diggle”, Planeta DeAgostini. Volume Uno (#230-237), Due (#238-242), Tre (#243-249).
  • Brossurati “Hellblazer”, Rw Lion.  Numero 60 (#227-230), 61 (#231-234), 62 (#235-238), 63 (#239-242), 64 (#243-246), 65 (#247-250).

Ciclo di Peter Milligan (#250-300 numerazione USA)

  • Cinque volumi “Hellblazer di Peter Milligan”, Planeta DeAgostini. Volume Uno (#250-255), Due (#256-260), Tre (#261-266), Quattro (#267-270), Cinque (#271-275).
  • Cinque volumi “Hellblazer”, Rw Lion. “Dolori fantasma” (#276-281), “Il trench del Diavolo” (#282-286), “Un'altra stagione all'Inferno” (#287-291), “La maledizione dei Costantine (#292-297, manca una “N” nel titolo del volume italiano per un refuso), “Morte e sigarette” (#298-300).
  • Brossurati “Hellblazer”, Rw Lion.  Numero 66 (#250-253), in corso di pubblicazione.

Trovate elencati qui di seguito i volumi speciali e fuori serie.

  • “Hellblazer – Tutti i suoi congegni”. Brossurato Magic Press.
  • “Hellblazer Annual 1”. Brossurato Planeta DeAgostini.
  • “Hellblazer Special: I cavalieri dell'Apocalisse in trench”. Brossurato Planeta DeAgostini.
  • "Hellblazer Special: I cavalieri dell'Apocalisse in trench - Mister E". Brossurato Planeta DeAgostini.
  • “Hellblazer Speciale – Sangue cattivo”. Brossurato Planeta DeAgostini.
  • “Hellblazer – Papa Midnite”.  Brossurato Planeta DeAgostini.
  • “Hellblazer – Pandemonium”. Cartonato Planeta DeAgostini.
  • “Reality Nero – Una storia di John Constantine”. Cartonato Planeta DeAgostini.
  • “Hellblazer – Città dei Demoni”. Cartonato Rw Lion, seconda edizione Rw Lion in brossurato.
  • “Hellblazer – Newcastle calling”. Brossurato Rw Lion.
  • “Hellblazer – Madrepatria”. Brossurato Rw Lion.
  • “Hellblazer – The Horrorist”. Brossurato Rw Lion.
  • “Lady Constantine”. Brossurato Rw Lion.
  • "Chas". Brossurato Rw Lion.

Tutto quello che abbiamo detto finora riguarda la storia editoriale di “Hellblazer”, ma non necessariamente quella di John Constantine. L'appartenenza del personaggio all'Universo Dc canonico è sempre stata a dire poco equivoca. Indubbiamente ne ha fatto parte al principio, dal momento che non sono mancati camei in altre testate, interazioni con personaggi del mondo “magico” Dc (fra tutti, l'ambiguo rapporto con la strega Zatanna), o vere e proprie partecipazioni attive in saghe collettive (in anni recenti si può prendere quale esempio “Nel giorno più splendente” di Geoff Johns). Si può dire tuttavia che nel corso degli anni “Hellblazer” abbia sviluppato una sua continuità narrativa, totalmente slegata dal mondo dei supereroi. D'altro canto i toni della narrazione Vertigo mal si combaciavano con l'universo di Batman e Superman. Convenzionalmente quindi “Hellblazer” era da considerarsi su un piano a parte, pur con qualche sorprendente rimpatriata (il già citato evento “Nel giorno più splendente”).

Il cambiamento di questo status quo è avvenuto nel 2011, in seguito al reboot collettivo del Dc Universe noto come New 52. Nel nuovo Universo Dc ha fatto la sua comparsa stabile e definitiva un Constantine “alternativo” a quello che i lettori conoscevano sulle pagine di “Hellblazer” (che avrebbe terminato la sua corsa editoriale da lì a un paio di anni, mettendo così la parola “fine” alle avventure del John Constantine tradizionale).

Più giovane, meno cinica, meno sfaccettata, nel complesso più eroica e adatta a un pubblico più ampio, questa nuova incarnazione interagisce con altri personaggi sovrannaturali nelle pagine di “Justice League Dark”, con i grandi eroi Dc nel crossover “Trinity war”, e ottiene prima una sua testata personale (“Constantine”, in seguito “Constantine: The Hellblazer”), poi un restyling della stessa nell'ambito dell'evento Dc “Rinascita”, con il ripristino dello storico titolo “Hellblazer” e il ritorno ad atmosfere più vicine a quelle tradizionali.

Sono in seguito riportate in ordine di lettura le pubblicazioni italiane con le avventure in solitaria del nuovo John Constantine.

  • Spillati Rw Lion “Dark Universe – Constantine”, doppia numerazione, (es. Dark Universe 10 – Constantine 1). Numeri 10-1, 11-2. 12-3, 13-4, 15-6, 16-7, 17-8, 18-9, 19-10, 20-11, 21-12, 22-13, 23-14, 24-15, 25-16, 26-17, 27-18, 28-19, 29-20, 30-21, 31-22. Le storie contenute negli spillati Rw Lion “Constantine” #1-4 sono raccolte anche nel volume “Constantine” Rw Lion “La scintilla e la fiamma” (cartonato New 52 Limited, poi ristampato in brossura New 52 Library). Le storie contenute negli spillati Rw Lion “Constantine” #6-11 sono raccolte anche nel volume “Constantine” Rw Lion “Blight”, cartonato New 52 Limited.
  • Spillati Rw Lion “Sinestro”, numeri #14-25.
  • Brossurati Rw Lion “Hellblazer Rinascita”, numeri #1-4 e in corso di pubblicazione.

Claudio

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.  Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Per proseguire la navigazione accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.